Pista ciclabile di Via Malaga-Piazza Bilbao-Via Santander-MM Romolo-MM Famagosta

ciclopedonale_malaga_1.jpg

 

 

 

 ciclopedonale_malaga_2.jpg

 

ciclopedonale_malaga_3.jpg 

 

 

ciclabili attuali

 

La situazione attuale è così: piste ciclabili insufficienti, scollegate fra loro, e comunque non afferenti alle stazioni della metropolitana.

 

Eppure, anche inquadrando un piccolo frammento come in quest’immagine, vediamo che ci sono molti luoghi che attirano gente, sia dal quartiere che da tutta Milano (evidenziati in colore scuro), che trarrebbero gran giovamento da una rete di “percorsi dolci” meglio strutturata. E allora vogliamo presentarvi una proposta, che abbiamo elaborato, che prevede il recupero delle “terre di nessuno” sulle sponde del fiume Olona, e che prevede che tutti i luoghi “attrattori” del quartiere vengano collegati da una nuova pista ciclabile.

 

Con uno sforzo piuttosto ridotto sarebbe possibile, in questa zona, iniziare a costruire quella “rete” di percorsi che aiuterebbe moltissimo questo quartiere. Qui vedete la pista che noi proponiamo di costruire (e che in molti tratti, è già allo studio del Comune), che inanella i vari segmenti di un lungo “parco fluviale” sulle sponde dell’Olona, e che dalle stazioni di Famagosta e Romolo raggiunge il Naviglio Grande. Questo parco servirebbe parti di città dove la dotazione di spazi verdi di vicinato è molto scarsa, dando un ambiente più piacevole alle persone che qui vivono, lavorano o studiano. La pista ciclabile, oltre a dare un accesso ciclabile al Naviglio, servirebbe anche le molte attività che già ora sorgono lungo il suo percorso: lo IULM, il Villaggio Barona con le sue strutture di accoglienza, le scuole, ma anche le varie imprese che qui danno lavoro a molte persone.

Doppia lettura, quindi: per il lungo, con la pista ciclabile, e anche in larghezza, dove il “parco fluviale” fornisce un polmone verde a questa parte di città.

 zoom malaga-romolo-faenza

 

In rosa i collegamenti previsti dal COMITATO PONTI

credits