COMUNICAZIONE AI SOCI E AI FRUITORI DEL GIARDINO NASCOSTO

Cari Soci,

Il Comitato Ponti deve, per statuto e per convenzione, garantire la frequentazione del Giardino Nascosto a tutti i Soci e sorvegliare che non subisca danni o venga utilizzato con avventatezza. Questo principio, che ovviamente vale per tutti, è stato sempre alla base dei nostri interventi.

Infatti si è verificato che genitori, proprietari di cani ed anche adulti siano stati richiamati al rispetto del giardino, o dei regolamenti o della civile convivenza, fino ad arrivare, fortunatamente in quei pochi casi dove i richiami ad alcuni genitori rimanevano lettera morta, a negare l’adesione all’associazione.

La situazione attuale è che, data la frequentazione costante di cani al Giardino Nascosto, sono sorti dei problemi che riguardano sia la manutenzione del giardino, sia la frequentazione da parte di persone che hanno paura o non si sentono al sicuro in presenza di cani, sia le questioni igieniche.

Al riguardo abbiamo avuto un incontro con un gruppo di soci proprietari di cani dove è chiaramente emerso che la situazione si è sostanzialmente complicata con l’aumentare dei frequentatori a 4 zampe.

Finché i soci proprietari di cani erano un gruppo sparuto, il correre degli animali liberi in giardino era un problema relativo. Purtroppo, e lo diciamo con rammarico, non è più così.

Il CD ha da tempo preso coscienza del problema ed ha deliberato di procedere ad una risistemazione dell'area, usurata dalla frequentazione di tutti (non solo dei cani), che comprenderà una zona a ghiaia contenuta da traversine e lo spargimento di uno strato di terra concimata e relativa risemina in un’altra zona.

Questo intervento richiede la chiusura temporanea del giardino, dal momento dei lavori alla ricrescita dell’erba che dovrà radicare consolidandosi.

Alla riapertura, il giardino verrà suddiviso nelle zone previste dal progetto:

  • Area sociale (dove ora ci sono le panchine), con arredi che non potranno essere spostati
  • Area spettacoli (più o meno dove di solito si tengono i concerti)
  • Area a bosco (il boschetto attuale) con crescita selvaggia ma controllata della vegetazione
  • Area orto comunitario (dove ora ci sono i cassoni che erano serviti alla scuola di via Pestalozzi)

Va da sé che non sarà più possibile permettere l’accesso libero dei cani come del resto accade in tutti gli altri giardini condivisi di Milano e nei giardini comunalI.

Verrà stilato un nuovo regolamento che, sinteticamente, permetterà l’accesso ai cani solo in area cani. Questi dovranno esservi condotti rigorosamente al guinzaglio e i proprietari dovranno sorvegliare che non espletino i loro bisogni (anche urinare) nel giardino.

Vista l’imminente scadenza delle tessere associative, riteniamo doveroso mettervi al corrente di questi sostanziali cambiamenti per permettervi di fare le vostre valutazioni prima di chiedere il rinnovo.

Comitato Ponti s’impegna comunque a mettere a disposizione la propria esperienza e i suoi contatti a livello comunale per avviare una collaborazione nel caso vi fosse interesse nell’individuare un’area comunale nelle vicinanze da trasformare in area cani e per dare supporto nell’iter burocratico di formalizzazione, il cui primo passo è la costituzione degli interessati in associazione.

Nel caso vi fosse la concreta volontà di perseguire questa strada, vi chiediamo di fornirci i contatti delle persone cui far riferimento.

 

Auguri di Buon Natale e buone feste a tutti voi,

 

Il Consiglio Direttivo

 

credits