ORTO EMOTIVO

Accompagnati da un team di psicoterapeute e ortoterapiste, prende avvio il progetto di orto emotivo. L'obiettivo è spiegare ai bambini le meraviglie della natura, quanto questa può sorprenderci con le sue infinite forme e colori e quanto sia importante il rispetto dei suoi tempi.

Ritrovare il contatto con la terra, dare ai bambini l'occasione di creare un piccolo spazio simbolico e, non ultimo, dimostrare come, con dei piccoli oggetti di uso comune, possiamo creare nuovi punti verdi per mantenere il rapporto con la natura in un ambiente fortemente urbanizzato come il nostro. Questo è l'obiettivo dell'iniziativa e, più in generale, del progetto di orto emotivo.

 

IMG-20150518-WA0008

Leggi tutto...

ZIA SEVERINA È IN PIEDI

11050652 825104984227890 6799566477547536557 o

 

Spettacolo antimafia tratto da un capitolo di "Alveare", romanzo-inchiesta di Catozzella,
Valentina Scuderi, nella parte di Zia Severina - La regia di Carolina De La Calle Casanova

È una storia di resistenza e di dignità, di lotta silenziosa, compiuta con l’unico mezzo di cui è in possesso un’anziana donna: l’ostinazione. La sua caparbietà e la sua costanza hanno dato l’esempio nel quartiere: dopo di lei tante altre famiglie hanno iniziato a lottare a denunciare.

 

Zia Severina dialoga tutta la notte con il ragazzo, (soprannominato Mongolfiera), assoldato da chi gestisce il racket delle case popolari. Il giovane entra ogni notte in casa di Severina, rimasta a vivere da sola nel bilocale dopo la morte del marito.

Severina è divisa tra la paura di abbandonare tutto e il desiderio di cambiamento che la spinge a prendersi in qualche modo cura del giovane: gli prepara la colazione, perché "chi fa un lavoro come il tuo ha sempre fame", gli chiede di buttare la spazzatura quando esce, gli consiglia di trovarsi una brava ragazza...  “Facciamo così, una buona volta per tutte. Te esci, io non ti guardo, tu mi guardi, però. Così controlli che io non ti guardo e poi vai via. Però mentre controlli che io non ti guardo, perché se vai via io non ti guardo, magari potresti passarmi vicino e darmi una carezza, una carezza della buonanotte, così come gesto d’affetto. Così io mi rassereno. Così io capisco che stai andando via. Così è chiaro che è tutto finito, con una carezza”.

 

Credo che quello che sta facendo questa compagnia teatrale abbia del rivoluzionario. A memoria non ricordo niente di simile.
Portare spettacoli teatrali sulla mafia nelle zone, nelle vie, nei cortili, nei quartieri della mafia. Come hanno fatto a Niguarda, per esempio, dove Zia Severina ha vissuto per una vita intera. Hanno riportato Zia Severina - una delle poche persone che ha avuto il coraggio di denunciare e opporsi al racket delle case popolari - nelle sue strade, le stesse strade che hanno smesso di essere presidiate dagli uomini delle cosche.
A me sembra un gesto rivoluzionario, se paragonato anche ai discorsi di chi l’antimafia a volte la fa anche di professione e poi in periferia - dove le mafie abitano, comandano, propagano violenza e arroganza - si dimentica spesso di venire.
Giuseppe Catozzella

 

Il ritmo parte piano, con un’apparente pacatezza che man mano va in crescendo, sempre più incalzante fino al grido finale di chi non si arrenderà mai. La ribellione di una vittima che diventa eroina e simbolo.
Valentina Scuderi da grande intensità al personaggio, interpretando il monologo che attrae l’attenzione e non la fa mai sfuggire.

 

Tiziana Viganò

 

 

 

 

ITALIAN SHORT STORIES

Si è svolto il 18 febbraio lo splendido concerto jazz del quartetto TOMMASO STARACE QUARTET sulle fotografie in bianco e nero di BERENGO GARDIN. Grande partecipazione di pubblico, grandi emozioni, bellissima serata!

Starace

gardin

UN ALTRO TRAGUARDO RAGGIUNTO

Cari Soci e Cari Amici, con grande piacere vi rendiamo partecipi di un’altra piccola-grande vittoria del COMITATO PONTI.
Come sapete, a fine febbraio è stato pubblicato il PUMS (Piano Urbano della Mobilità Sostenibile). Ebbene, come potrete evincere dagli allegati, il tratto sterrato di via Malaga e l’intera via Santander diventeranno ciclabili, fatto per il quale ci siamo tanto battuti. Ora è ufficiale: questi tratti sono inseriti tra le reti ciclabili programmate e/o in costruzione e finanziate.
Ancora non si sa quando l’opera verrà realizzata né perché, nella programmazione, manchi il tratto viabile della via Malaga di cui il CDZ6 aveva approvato le modifiche necessarie per la realizzazione della ciclabile.
Ciò non ostante siamo fieri di questa battaglia vinta che interpretiamo come fruttuosa collaborazione con l’Amministrazione e ci auguriamo lo siate anche voi !
Per maggiori approfondimenti: 

https://www.comune.milano.it/portale/wps/portal/CDM?WCM_GLOBAL_CONTEXT=/wps/wcm/connect/ContentLibrary/giornale/giornale/tutte+le+notizie+new/mobilita+ambiente+arredo+urbano+verde/presentato_pums

https://drive.google.com/folderview?id=0B1yqkoznVqZXcm45RzR5MHFrX2s&usp=sharing

Schermata 1 Schermata 2

Tavola 06 copia 3

I PRIMI LAVORI IN VISTA DELLA PRIMAVERA

Domenica 1 marzo c'incontriamo per la seconda volta al giardino per eseguire alcuni piccoli lavori necessari: applicazione di una rete metallica plastificata sulla palizzata in fondo al giardino, sistemazione della compostiera e, se riusciamo (dipende da quanti saremo), proseguimento della costruzione palizzata lungo la sponda nell'area cani.

Dalle 10:30 in avanti non stop. Viste le ottime previsioni del tempo, pranzeremo insieme al giardino. Esibitevi nelle vostre ricette preferite!

Leggi tutto...

credits